La risorsa online sul turismo lento e borghi italiani
Accedi alla Community

Montesarchio


Montesarchio è il comune più grande della provincia sannita dopo Benevento ed è situato alle pendici del Monte Taburno. La sua storia risale all'antichità e il paese è ricca di monumenti e siti storici che testimoniano la sua antica tradizione. Nel centro storico si trovano il Duomo, il Palazzo Vescovile e il Castello Normanno-Svevo.
  • Borgo con parco
  • Borgo con castello
  • Borgo con torri
  • Borghi più belli d'Italia
Montesarchio  | e-borghi
Montesarchio
e-borghi
Montesarchio dall'alto  | e-borghi
Montesarchio dall'alto
e-borghi
Montesarchio  | e-borghi
Montesarchio
e-borghi
Montesarchio dal Castello  | e-borghi
Montesarchio dal Castello
e-borghi
Il Castello di Montesarchio  | e-borghi
Il Castello di Montesarchio
e-borghi
Montesarchio  | e-borghi
Montesarchio
e-borghi
Montesarchio, Piazza Umberto I  | e-borghi
Montesarchio, Piazza Umberto I
e-borghi
Montesarchio dall'alto  | Alessio De cicco/flickr
Montesarchio dall'alto
Alessio De cicco/flickr
Verso la Biblioteca comunale di Montesarchio  | Gianfranco Vitolo/flickr
Verso la Biblioteca comunale di Montesarchio
Gianfranco Vitolo/flickr
Fontana di Ercole, Montesarchio  | Gianfranco Vitolo
Fontana di Ercole, Montesarchio
Gianfranco Vitolo
Vista su Montesarchio  | Gianfranco Vitolo/flickr
Vista su Montesarchio
Gianfranco Vitolo/flickr
Vicoli di Montesarchio  | Gianfranco Vitolo/flickr
Vicoli di Montesarchio
Gianfranco Vitolo/flickr
Montesarchio  | Gianfranco Vitolo/flickr
Montesarchio
Gianfranco Vitolo/flickr
Chiesa dell'Annunziata, Montesarchio  | Gianfranco Vitolo/flickr
Chiesa dell'Annunziata, Montesarchio
Gianfranco Vitolo/flickr
Montesarchio  | Gianfranco Vitolo/flickr
Montesarchio
Gianfranco Vitolo/flickr
Vicolo di Montesarchio  | Gianfranco Vitolo/flickr
Vicolo di Montesarchio
Gianfranco Vitolo/flickr
Chiesa di San Francesco, Montesarchio  | Gianfranco Vitolo
Chiesa di San Francesco, Montesarchio
Gianfranco Vitolo
Nuvole a Montesarchio  | ALADINO71/flickr
Nuvole a Montesarchio
ALADINO71/flickr
Chiesa della SS. Trinità, Montesarchio  | Gianfranco Vitolo
Chiesa della SS. Trinità, Montesarchio
Gianfranco Vitolo
Montesarchio  | Gianfranco Vitolo/flickr
Montesarchio
Gianfranco Vitolo/flickr

Sul borgo

Un po' di storia
Montesarchio è il comune più grande della provincia sannita dopo Benevento. Il paese è situato alle pendici del Monte Taburno e ospita un Castello medievale. I ritrovamenti archeologici suggeriscono che la zona fosse abitata già prima dell'epoca di Omero. Le frazioni di Latovetere, di origine longobarda, e Latonuovo, di origine normanna, costituiscono la parte più antica della città. La parte moderna della città si trova sulla via Appia, che collega Benevento a Caserta. Fin dall'antichità, la via Appia fu utilizzata come via commerciale e per gli spostamenti delle legioni romane. Nel XV secolo, Giacomo d'Aquino, discendente della dinastia dei Della Leonessa, era diventato proprietario di Montesarchio.
Per volontà di re Ferdinando II di Borbone il Castello e la Torre diventarono una delle più dure prigioni del Regno di Napoli in cui furono rinchiusi i patrioti Carlo Poerio, Nicola Nisco e Michele Pironti. Dal 1861 Montesarchio fa parte della Provincia di Benevento.

Cosa vedere a Montesarchio

Andando alla scoperta di Montesarchio è tappa fondamentale la visita al Castello Longobardo e la Torre, distrutti dai normanni e ricostruiti poi nel XV secolo. Al loro interno ospitano il Museo archeologico nazionale del Sannio Caudino con la mostra permanente “Rosso immaginario. Il racconto dei vasi di Caudium”.

Un percorso, articolato in sei sale, che rappresenta un’importante testimonianza della storia e dell’archeologia dei centri di Caudium, Saticula e Telesia, le odierne Sant’Agata dei Goti e San Salvatore Telesino. Il reperto di maggiore importanza è il Cratere di Assteas un vaso risalente al IV secolo che raffigura il “Ratto d’Europa” da parte del Dio Zeus trasformato in toro.

In località Latovere, scendendo dal Castello, si trovano l’Abbazia di San Nicola, risalente al XII secolo e la Chiesa e il Convento di san Francesco, ristrutturate nel XVIII secolo, ed oggi sede comunale.

Passeggiando tra le strade del borgo di Montesarchio, al centro di Piazza Umberto I si incontra un altro simbolo del paese: la fontana dell’Ercole alexicacos. Inoltre, si può ammirare una delle tante chiese presenti nel territorio, la seicentesca Chiesa dell’Annunziata o di San Giovanni Battista.

Cosa gustare a Montesarchio
Tra le tipicità enograstronomiche del borgo, sono assolutamente da provare: i “Cazzarielli” (gnocchi di patate) con carne di capra, melanzane in cassone, zeppole ai fiori di zucca e polpettine in brodo servite con il cardone.

Borgo di Montesarchio
Comune di Montesarchio

 
Provincia di Benevento
Regione Campania

Abitanti: 12.902 montesarchiesi, sarchiesi
Altitudine centro: 300 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
I Borghi più belli d'Italia

Aree naturali protette:
Parco regionale del Taburno - Camposauro

Il Comune
Borgo San Francesco, 3 - Tel. 0824892111

= distanze in linea d'aria

IN AUTO

  • Percorrendo l'autostrada le uscite più vicine al centro di Montesarchio sono:
    - Uscita Baiano (Napoli-Canosa)
    - Uscita Tufino (Napoli-Canosa)
    - Uscita Nola (Caserta-Salerno)
    - Uscita Palma Campania Caserta-Salerno)

IN AEREO

  • Aeroporto di Napoli "Capodichino"

Montesarchio è sul numero 38 della nostra rivista digitale e-borghi travel.
Sfogliala ora gratis!

cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2024 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Via Achille Grandi 46, 20017, Rho (Milano) | 02 92893360