La risorsa online sul turismo lento e borghi italiani
Accedi alla Community

Cetara


Piccolo borgo di pescatori, il borgo di Cetara è noto per la colatura di alici, un liquido ambrato ottenuto dal processo di maturazione delle alici sotto sale. Un borgo ricco di storia, Cetara conserva intatti i suoi monumenti: il principale è la Torre Vicereale, costruita nel XVI secolo a scopo difensivo, si erge sulla spiaggia del paese con tutto il fascino del suo portato storico.
  • Borgo di mare
  • Borgo con torri
Cetara  | Cenz07/shutterstock.com
Cetara
Cenz07/shutterstock.com
Cetara  | Pfeiffer/shutterstock.com
Cetara
Pfeiffer/shutterstock.com
La Torre  | Gimas/shutterstock.com
La Torre
Gimas/shutterstock.com
Cetara  | Gimas/shutterstock.com
Cetara
Gimas/shutterstock.com
Cetara  | Gimas/shutterstock.com
Cetara
Gimas/shutterstock.com
Cetara  | Gimas/shutterstock.com
Cetara
Gimas/shutterstock.com
Uno sguardo a Cetara
Uno sguardo a Cetara

Sul borgo

Cetara, grazioso borgo di pescatori della Costiera Amalfitana, sorge ai piedi del monte Falerio e, considerata la sua estensione in una profonda vallata fiancheggiata da vigneti e agrumeti, assume la forma di un ventaglio.

Antico e autentico borgo di pescatori famoso per la colatura di alici, un liquido ambrato ottenuto dal processo di maturazione delle alici sotto sale, e per il buonissimo tonno pescato, il suo nome deriverebbe dal latino Cetaria, tonnara, e da cetari, venditori di pesci grossi.
Tutt’oggi Cetara si caratterizza per l’attività economica e turistica basata prevalentemente sulla pesca e attualmente possiede una delle più importanti flotte tonniere del Mediterraneo, vantando stretti contatti con Nemour in Algeria, con Séte e Marsiglia in Francia, dove vivono e operano numerosi discendenti cetaresi, stabilitisi nel primo e secondo dopoguerra, per svolgere la propria attività peschereccia.
Grazie alla numerosa flottiglia di cianciole, dotate delle caratteristiche lampare, Cetara assicura un abbondante pescato di pesce azzurro, che viene abilmente lavorato e conservato, sotto sale o sott’olio, dalle piccole industrie di conservazione del posto.

Le origini del borgo risalgono all’alto Medioevo, quando il territorio di Cetara, quasi disabitato, apparteneva alla giurisdizione della città etrusca di Marcina, coincidente molto probabilmente con Vietri sul Mare, come riportato nel “Chronicon Salernitanum”.

Cetara, borgo ricco di storia, conserva intatti i suoi monumenti. Il principale è la Torre Vicereale, costruita nel XVI secolo a scopo difensivo, si erge sulla spiaggia del paese con tutto il fascino del suo portato storico.
La Chiesa di San Pietro Apostolo, risalente al IX secolo, in stile barocco, è la prima immancabile sosta da fare durante l’esplorazione di questo magico borgo.
Da vedere anche la Chiesa e il Convento di San Francesco, entrambi risalenti al 1300. Nella Chiesa si possono ammirare incantevoli affreschi, mentre il Convento, costituito da un chiostro e diverse celle, ospita oggi un ristorante ed è la sede del comune. Costruzione più recente ma non meno importante è la Chiesa della Madonna di Costantinopoli, costruita nel 1800 e ristrutturata nel 1921 in seguito ai danni subiti a causa di una violenta alluvione.

In estate, l’immagine che racchiude l’essenza di questo borgo marinaro è Marina di Cetara, una piccola spiaggia racchiusa tra il borgo di case e il porto dei pescatoti. Il luogo ideale dove fermarsi per fare un bagno nelle acque limpide e tranquille di Cetara. Particolarmente suggestive e importanti sono la Festa Patronale di S.Pietro, corredata da bellissimi fuochi pirotecnici sul mare, e la Sagra del tonno, con degustazione di prodotti tipici locali a base di pesce.

Borgo di Cetara
Comune di Cetara
Provincia di Salerno
Regione Campania
Abitanti: 2.080 cetaresi
Altitudine centro: 10 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Città e siti patrimonio mondiale Unesco

Il Comune
Corso Umberto i 47 - tel: 089262911
= distanze in linea d'aria

IN AUTO

  • Da nord: lasciare l'Autostrada A3 al'uscita di Vietri sul Mare e imboccare la SS 163 Amalfitana e proseguire fino a Cetara.
  • Sempre da nord è possibile raggiungere Salerno tramite l'autostrada Roma-Caserta-Salerno A30 prendendo l'uscita di Mercato S. Severino. Percorrere il raccordo autostradale E841 e giungere sino a Salerno. All'uscita di Salerno seguire i cartelli per la Costiera Amalfitana. Proseguire verso il viadotto Alfonso Gatto che sovrasta il porto commerciale di Salerno. Prima dell'arrivo al porto svoltare a destra e seguire la SS 18 fino a Vietri sul Mare, poi imboccare la SS 163 Amalfitana fino a Cetara.
  • Da sud: lasciare l'autostrada A3 a Salerno e proseguire verso il viadotto Alfonso Gatto che sovrasta il porto commerciale di Salerno. Prima dell'arrivo al porto svoltare a destra e seguire la SS 18 fino a Vietri sul Mare, poi imboccare la SS 163 Amalfitana fino a Cetara.

IN TRENO

  • Stazione ferroviaria di Salerno

IN AEREO

  • Aeroporto Capodichino di Napoli 
  • 19 giugno - Benedizione del mare da parte del santo Patrono: la mattina del 19, la statua di San Pietro viene portata in riva al mare per la tradizionale benedizione delle acque, in modo che esse diventino sempre più pescose e preservano i pescatori cetaresi dalle insidie delle tempeste. È il preludio alla grande festa patronale del 29 giugno.
  • 29 giugno - Festa del Santo Patrono, S. Pietro Apostolo: è la festa religiosa più sentita del paese che riporta a Cetara, ogni anno, tutti i cetaresi trasferiti in altre zone d'Italia o all'estero, oltre che numerosi turisti e cittadini dei comuni limitrofi. Il rito sacro prevede la processione per le vie principali del paese, addobbate con luminarie, della statua di S. Pietro Apostolo adagiata su una pedana a forma di barca e portata in spalla dai pescatori con il tradizionale passo che imita il moto ondoso. La processione, dopo aver raggiunto la parte alta del paese, ritorna verso la "marina" e si ferma sulla spiaggia dove viene benedetto il mare: la statua del santo viene portata per tre volte proprio sulla riva, quasi a sfiorare l’acqua del mare. L’atto finale della processione prevede la spettacolare corsa della statua sullo scalone della chiesa. Infine, dopo la mezzanotte, i festeggiamenti si concludono con uno spettacolo di fuochi pirotecnici sul porto.  
  • 4 ottobre - Festa di S. Francesco d'Assisi
  • 8 dicembre - Festa dell'Immacolata Concezione: nella serata precedente, l’intero paese si anima poiché è tradizione trascorrere tutta “la nottata dell’Immacolata” a banchettare con parenti e amici, e a festeggiare, in attesa della processione. Negli ultimi anni la processione dell’Immacolata viene anticipata da una “Notte bianca” tutta cetarese con spettacoli di artisti di strada e bancarelle di prodotti tipici ed artigianali.

Dormire, mangiare, comprare...

= distanze in linea d'aria
Unique Experience
Un tour operator in grado di offrire un’emozione ai curiosi della Costiera Amalfitana e di occupa...
Via Raimondo Orsini, 4 - 84010, Tramonti (Salerno)
7.27 Chilometri da Cetara
= distanze in linea d'aria

Eventi

sabato
29
giugno, 2024

San Pietro Apostolo

Le nostre notizie su Cetara

cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2024 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Via Achille Grandi 46, 20017, Rho (Milano) | 02 92893360