La risorsa online sul turismo lento e borghi italiani
Accedi alla Community

Gargano, una magia tra mare e monti

Provincia di Foggia


Cala del Pigno, Isola di San Domino-Isole Tremiti  | Simone Angelo Ferri/shutterstock
Cala del Pigno, Isola di San Domino-Isole Tremiti
Simone Angelo Ferri/shutterstock
Isole Tremiti  | Gianni Crestani/Pixabay
Isole Tremiti
Gianni Crestani/Pixabay
In barca nel Gargano  | Stefano Ember/shutterstock
In barca nel Gargano
Stefano Ember/shutterstock
Vieste  | sebastiano iervolino/Pixabay
Vieste
sebastiano iervolino/Pixabay
Scogliera di Peschici  | fabriziotaus/Pixabay
Scogliera di Peschici
fabriziotaus/Pixabay
Isole Tremiti  | BBP76000/shutterstock
Isole Tremiti
BBP76000/shutterstock
Lago di Varano  | joeborg/shutterstock
Lago di Varano
joeborg/shutterstock
Foresta Umbra nel Gargano  | joeborg/shutterstock
Foresta Umbra nel Gargano
joeborg/shutterstock
Spiaggia di Pizzomunno   | elitravo/shutterstock
Spiaggia di Pizzomunno
elitravo/shutterstock
Grotta marina nel Gargano  | Gianni Crestani/Pixabay
Grotta marina nel Gargano
Gianni Crestani/Pixabay
Borgo di Lesina  | dancar/shutterstock
Borgo di Lesina
dancar/shutterstock
Borgo di Rodi Garganico  | ArcheoFlight/shutterstock
Borgo di Rodi Garganico
ArcheoFlight/shutterstock
Santuario di San Michele Arcangelo a Monte Sant'Angelo  | elitravo/shutterstock
Santuario di San Michele Arcangelo a Monte Sant'Angelo
elitravo/shutterstock
Facciata del Santuario di San Pio di Pietrelcina disegnata da Renzo Piano  | Marco Rubino/shutterstock
Facciata del Santuario di San Pio di Pietrelcina disegnata da Renzo Piano
Marco Rubino/shutterstock
Caciocavallo podolico del Gargano  | cosca/shutterstock
Caciocavallo podolico del Gargano
cosca/shutterstock

L'area del Gargano è una terra meravigliosa, ricca di storia e incredibili paesaggi naturali. La sua magia coinvolge sia i turisti che abitano in questa regione italiana della Puglia da generazioni sia quelli che per la prima volta visitano luoghi come Vieste o Monte Sant'Angelo. Quando arrivi nel Gargano, se ne sentono gli effetti magici: dal mare più limpido all’aria purificata dai profumi degli ulivi secolari e a tutti quei panorami mozzafiato tra cielo e acque cristalline dove il tempo sembra essersene fermato da tempi immemori. Ma non c’è solo il mare a fare grande il Gargano: le sue montagne offrono spettacoli unicamente suggestivi con boschi antichi ed è ricco di leggende custodite gelosamente nel cuore degli abitanti locali.

La storia del Gargano

Il Gargano si colloca nel nord est della Puglia, soprannominato anche lo “Sperone d'Italia”. Dall’alto dei suoi monti, offre uno spettacolo unico dove mare e monti si fondono, regalando un’atmosfera unica e indimenticabile. La storia del territorio è antichissima e affonda le sue radici nell’età preistorica. La sua origine è legata a fatti geologici che hanno reso quest’area montuosa un luogo unico.

Si tratta dunque di un luogo ricco di storia e di miti che testimoniano il legame che esiste tra l’uomo e la natura. Secondo alcuni studiosi, il Gargano risale all’era glaciale, quando le temperature più basse e le acque profonde del mare incontrarono la terra ferma per formare la catena montuosa. In seguito, si ritiene che Giano abbia abitato sulle pendici del Monte Sacro (la montagna più alta del Gargano) e da qui abbia avuto origine il culto pagano della natura e degli dèi della mitologia greca.

In epoca romana, il Gargano venne conosciuto come “il Promontorio dei Dauni”, una provincia appartenente all’Impero romano. Ancora oggi, su queste terre sono presenti edifici e monumenti etruschi, romani ed anche bizantini che testimoniano l’antica presenza di popoli in questa terra. Nell’età medievale il Gargano divenne un luogo importante per i pellegrini in viaggio verso Roma. In particolare, Monte Sant'Angelo divenne un luogo di culto importante sia per i cristiani che per i musulmani. Secondo la tradizione, infatti, l’angelo Gabriele apparve a San Michele Arcangelo proprio sulla vetta del Monte Sant'Angelo e gli mostrò la grotta sacra dove custodire l’Arca dell’Alleanza con Dio.

Durante questo periodo di grande devozione religiosa, la grotta divenne meta di pellegrinaggio per fedeli provenienti da tutta Europa. Tra i visitatori più illustri vi fu San Francesco d'Assisi che nel 1218 venne in visita a Monte Sant'Angelo dopo un lungo viaggio a piedi dalla città di Assisi. Di questa visita rimangono oggi tracce nell’affresco raffigurante il Cristo Pantocratore nella chiesa di San Francesco ad Assisi.

Nel Rinascimento, il Gargano cambiò totalmente aspetto in seguito ad alcune modifiche territoriali che portarono alla creazione di numerose proprietà fondiarie e alla costruzione di castelli e dimore nobiliari. In questo periodo, la zona venne anche interessata da grandiosi interventi come la costruzione del porticciolo di Manfredonia, voluto da Alfonso d'Aragona nel 1464.

Durante il periodo napoleonico Bonaparte cercò di razionalizzare le terre pugliesi ma nonostante questo, il Gargano conservò i suoi aspetti naturalistici rendendolo ancora oggi un luogo suggestivo e affascinante. Il Gargano è stato sempre considerato un luogo magico e incantato ricco di storie ed aneddoti.

Nelle sue valli, tra mare e monti, abitano persone accoglienti che hanno mantenuto intatto lo spirito antico del territorio e che sono orgogliosamente legati alle tradizioni del passato. Per tutti questi motivi, è divenuto un luogo di grande interesse turistico grazie alla bellezza del paesaggio e al carattere accogliente e ospitale della gente del posto.

Una terra di contrasti e bellezza

Il Gargano è una terra di contrasti e bellezza, dove bellezze naturali si fondono con l'arte e la cultura. È costituito in prevalenza da rocce sedimentarie, calcari e dolomie, risalenti al Cretacico e al Giurassico, per lo più stratificate e interessate dal fenomeno di dissoluzione carsica.

Il Gargano è un luogo di straordinaria bellezza naturale, con molti rilievi montuosi che formano un'incredibile cornice paesaggistica. Qui è compreso il Parco Nazionale del Gargano, istituito nel 1991, si tratta di una delle aree protette italiane più estese e ospita oltre 2.000 specie di animali selvatici, tra cui il noto capriolo italico, cervi, cinghiali, lepri, etc.

Il parco custodisce in poca estensione una vasta biodiversità spaziando tra i diversi habitat che compongono la natura del Mediterraneo. Queste caratteristiche delineano una considerevole diversità di fauna. In quest’area si trovano molte specie di uccelli migratori che vi svernano durante l'inverno, tra cui avvoltoi, rapaci ed uccelli da preda acquatici.

Oltre alle meraviglie naturali, il Gargano offre anche numerose attrazioni architettoniche e culturali. Dai resti di antiche città romane come Lucera e Siponto alle splendide costruzioni medievali come il Castello di Monte Sant'Angelo; dalle torri costiere all'imponente Santuario “La Chiesa di San Pio da Pietrelcina” a San Giovanni Rotondo; Sulle sue sponde del Gargano, inoltre, ci sono alcune delle spiagge più belle della Puglia, come quelle del promontorio di Vieste e delle Isole Tremiti.

Cosa vedere nel Gargano

Nel Gargano tra i luoghi più importanti da visitare, ci sono i seguenti:

  • La Foresta Umbra: un'area naturale protetta che si trova nella parte più interna del Parco Nazionale del Gargano e offre ai visitatori la possibilità di fare escursioni, birdwatching e trekking tra gli alberi secolari della foresta. Si possono anche scoprire i ruscelli, le cascate e le grotte che si trovano nel parco.
  • La spiaggia di Vieste: un luogo idilliaco dove si può godere la bellezza incontaminata del mare del Gargano. Si tratta di una spiaggia lunga circa 8 km con dune, pinete e grotte sottomarine che la rendono unica. La spiaggia è molto apprezzata per le sue acque cristalline e per le numerose attività acquatiche che si possono praticare in questo luogo incantevole.
  • Monte Sant’Angelo: uno dei principali luoghi sacri del Gargano, famoso per essere il luogo in cui San Michele Arcangelo è apparso per ben tre volte all’arcangelo Raffaele. Il Santuario di Monte Sant’Angelo è un monumento religioso che attira pellegrini da tutto il mondo ed offre una straordinaria vista sul Golfo di Manfredonia e sulla Costiera della Gargano.
  • Lago di Lesina: è un grande bacino d’acqua dolce situato tra il Tavoliere delle Puglie e il promontorio del Gargano. L’area intorno al lago è rinomata per la pesca sportiva ma anche per i paesaggi naturali mozzafiato che si possono ammirare in riva al lago. Il lago offre la possibilità di praticare sport acquatici come lo sci nautico, il windsurf e la canoa utilizzando varie strutture presenti sul posto.
  • Le Isole Tremiti che offrono a chi le visita l’opportunità di godere di una bellezza naturale incontaminata.

I borghi da visitare nel Gargano

Il Gargano è uno dei territori più spettacolari dell'Italia meridionale. I suoi borghi sono ricchi di storia, cultura e tradizione. Tra questi, ci sono alcuni che meritano una visita speciale come Vieste, uno dei borghi più belli d’Italia e un luogo da non perdere nel Gargano. Situato sulla costa adriatica, offre una vista mozzafiato sul mare e sui monti circostanti. Qui si possono trovare numerose attrazioni turistiche come la spiaggia di Pizzomunno, il Castello Svevo Aragonese, la Cattedrale di Santa Maria Assunta e le grotte marine. Altro affascinante borgo da visitare nel Gargano è San Giovanni Rotondo, conosciuto in tutto il mondo per essere stato la residenza di Padre Pio. Qui si può visitare il Santuario dedicato a San Pio da Pietrelcina, il Museo diocesano e il Santuario di Santa Maria delle Grazie.

Poi troviamo Ischitella piccolo borgo situato nella parte settentrionale del Gargano. Offre una vista incantevole sul mare e sulle isole Tremiti. Qui si possono ammirare anche antichi edifici religiosi come l’ex convento di San Francesco d’Assisi, la Chiesa di Santa Maria Maggiore e la Chiesa di Santa Maria Madre della Speranza.

Mattinata è uno dei luoghi più interessanti del Gargano grazie anche alle acque cristalline del mare che affascinano particolarmente i turisti. Questa località balneare vanta una delle più belle spiagge del Gargano: chilometri di ciottoli levigati da un mare cristallino da dove partire in barca per visitare le numerose grotte, cale e spiaggette accessibili solo via mare. I Faraglioni di Baia delle Zagare, la spiaggia di Vignanotica e quella di Mattinatella sono meraviglie della natura.

Cagnano Varano, un piccolo comune che con il suo centro storico caratterizzato da case in pietra, strette viuzze e antichi palazzi nobiliari è un posto ideale per trascorrere una giornata all'insegna del relax e della cultura.

Altro borgo incantevole situato nell'entroterra garganico è Peschici, il cui centro storico è tra i più suggestivi della Puglia. Oltre alle sue meravigliose spiagge, da visitare nel borgo il Castello Normanno risalente al XI secolo. Tra le attrazioni più importanti di Peschici non si possono non citare le sue torri, edificate per contrastare le diverse e innumerevoli incursioni saracene. Tra queste è possibile visitare la torre di Monte Pucci, da cui si può godere un meraviglioso panorama.

Rodi Garganico è piccolo paese arroccato su un promontorio a strapiombo sul mare, circondato da una rigogliosa vegetazione mediterranea. Il borgo è ricco di monumenti storici, come la Chiesa Madre dedicata a San Nicola, risalente al XIII secolo.

Infine, Vico del Gargano è un altro borgo di grande interesse da visitare nel Gargano. Soprannominato il “paese dell’amore”, questo grazioso borgo è uno dei comuni tra i Borghi più belli d’Italia. Da visitare il Castello Normanno-Svevo, recentemente restaurato, la Chiesa Matrice “Cappella di San Valentino”, il Palazzo della Bella e molto altro.

I borghi del Gargano sono ricchi di storia, cultura e tradizione. Visitandoli, si ha la possibilità di scoprire angoli di paradiso nascosti e di trascorrere momenti indimenticabili all'insegna della pace e della tranquillità.

Mangiare sul Gargano: un'esperienza da non perdere

Il Gargano è una terra ricca di storia e tradizioni, ma anche un luogo dove la cucina esprime tutta la sua creatività. La cucina del Gargano è profondamente influenzata dall’enorme diversità di paesaggi che questa terra offre: dal mare cristallino della costa alle fresche foreste dell’entroterra, le prelibatezze di questo territorio sono uniche. Dai sapori marini alle specialità di montagna, la cucina del Gargano è un punto d’incontro di sapori tradizionali e innovativi. I piatti della tradizione hanno conservato il loro fascino grazie alla loro antica preparazione e all’utilizzo di ingredienti freschi che viene raccomandato dai cuochi garganici.

La Zuppa di pesce alla Rodiana è uno dei piatti più gustosi della tradizione enogastronomica del Gargano. Un piatto a base di pesci, crostacei e molluschi in umido condito con olio extravergine d’oliva, vino bianco, pomodorini e prezzemolo.

Nel Gargano il fiore di zucchina è uno dei prodotti che compare in diversi piatti, come la “Tiella di campagna”, dove oltre al fiore, il pane è un elemento essenziale. Si tratta di un piatto povero, ma ricco di nutrimento e sapore ed è composto da pane casereccio, zucchine, fiori di zucchine, patate, sedano, finocchio selvatico, cavolo cappuccio, aglio, pomodori e naturalmente l’olio extravergine d’oliva del Gargano.

Tra i dolci tipici del Gargano, le Pettole sono una specialità locale a base di farina, lievito, acqua e olio. Una volta cotte, vengono servite calde, spolverate di zucchero o miele. Una vera delizia per il palato.

I prodotti tipici del Gargano fanno davvero gola a tutti gli amanti della buona cucina e della buona gastronomia e alcuni sono davvero speciali. Al di là dei dolci, la cucina del Gargano è molto ricca e saporita e include varie materie prime davvero uniche per bontà e sapore, come per esempio il caciocavallo silano, il caciocavallo podolico e garganico, i taralli, il limoncello femminello del Gargano IGP, l’Arancia del Gargano IGP, il timo e il rosmarino del Gargano e molto altro.

Tra questi, il caciocavallo podolico è un formaggio dal sapore intenso e caratteristico, prodotto con latte crudo di vacca podolica.

Gli agrumi del Gargano sono famosi in tutto il mondo per la loro fragranza e bontà. Tra questi spiccano le Arance Duretta del Gargano e il Limone Femminello, il limone più antico d’Italia che si caratterizza per l’alta percentuale di succo e scorza sottile e tenera.

Un'altra specialità della cucina garganica è l'Anguilla di Lesina: un pesce pregiato che viene servito sia fritto che in umido. Tra i legumi, la fava di Carpino è un altro prodotto tradizionale rinomato a livello nazionale per le sue qualità e caratteristiche organolettiche.

Un tour culinario nella terra del Gargano è quindi un'esperienza da non perdere. Lasciatevi trasportare dai meravigliosi sapori e dagli aromi inconfondibili di questa terra magica, e non ve ne pentirete!

Eventi nel Gargano

Nella magica area del Gargano, ci sono un mondo di eventi che richiamano turisti da tutto il mondo per partecipare a queste eccezionali occasioni. Potrete esplorare la terra sotto una luce nuova e scoprire le storie e i segreti della sua storia. Qui gli eventi non si concentrano soltanto nel periodo estivo, ma dominano tutto l’anno.

A Vico del Gargano, ad esempio, il 14 febbraio, in occasione di San Valentino il borgo diventa il luogo più amato dagli innamorati poiché si trasforma in un tripudio di colori regalato dagli agrumi che invadono il paese rendendolo unico. Una tradizione che si ripete da ormai quasi 400 anni. Un momento iconico durante questa giornata è quello che vede le coppie di innamorati scambiarsi un gesto d’amore nel suggestivo ‘Vicolo del Bacio’, una viuzza di soli 50 cm di larghezza e lunga 30 metri, dove da secoli gli amanti si scambiano lettere romantiche e promesse di amore eterno.

Per quanto riguarda gli eventi pasquali non si possono non citare la Settimana Santa, sempre a Vico del Gargano; il Venerdì Santo a San Marco in Lamis in cui si svolge il rito delle ‘Fracchie‘; a Monte Sant’Angelo la Settimana Santa, vissuta con manifestazioni di grande intensità e di riti antichissimi; e molto altro.

Dalle manifestazioni pasquali si giunge agli eventi estivi, tra i più amati dai viaggiatori e in particolare agli amanti della musica.

Tra questi spicca il Carpino Folk Festival, un evento musicale di successo che prende spunto dalla storicità della figura dei Cantori di Carpino, che hanno portato avanti con grande determinazione una tradizione musicale, che si tramanda di generazione in generazione.

Tra gli eventi enogastronomici non si può non citare la Sagra del pesce e dei prodotti tipici che ogni anno, ad agosto, anima il centro storico del borgo di Cagnano Varano. Un appuntamento tanto atteso sia dalle persone del luogo ma soprattutto dai turisti.

Per conoscere la genuinità di questo meraviglioso territorio che è il Gargano, queste manifestazioni, dedicate alla cultura locale, sono sempre delle occasioni uniche per scoprire lo Sperone d’Italia. Insomma, se decidete di visitare la terra del Gargano, non dimenticatevi di partecipare agli eventi che si susseguono lungo tutto l'anno.

Borghi nel Gargano

Cagnano Varano
[Foggia]
Cagnano Varano, nel Parco Nazionale del Gargano, è nota per la famosa Grotta ...
Carpino
[Foggia]
Carpino, noto per la produzione di olio e fave, è considerato uno dei borghi ...
Lesina
[Foggia]
Il borgo lacustre di Lesina è un importante centro turistico del nord della P...
Monte Sant'Angelo
[Foggia]
Monte Sant’Angelo, sede del Parco Nazionale del Gargano, è considerata la cit...
Peschici
[Foggia]
Peschici, suggestivo borgo marinaro facente parte del Parco Nazionale del Gar...
Rodi Garganico
[Foggia]
Rodi Garganico, definito il “Giardino del Gargano”, si caratterizza per la s...
San Giovanni Rotondo
[Foggia]
Immerso nel verde del Parco Nazionale del Gargano, San Giovanni Rotondo è un ...
Vico del Gargano
[Foggia]
Vico del Gargano è definito il paese dell'amore e il suo centro storico è tra...
Vieste
[Foggia]
All'inizio della spiaggia a sud di Vieste si erge, quasi a guardia del borgo,...

Dormire, mangiare, comprare nel Gargano

Dal blog

e-borghi 2019-2024 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Via Achille Grandi 46, 20017, Rho (Milano) | 02 92893360