La risorsa online sul turismo lento e borghi italiani
Accedi alla Community

Bassa Reggiana: un affascinante viaggio tra storia, cultura e sapori unici

Provincia di Reggio Emilia


BI-CI-BO tra i sapori della Bassa
Movie-Mento, viaggio nel cinema nella Bassa tra Reggio Emilia e Parma
Torre Civica Gualtieri  | e-borghi
Torre Civica Gualtieri
e-borghi
Il borgo di Boretto  | e-borghi
Il borgo di Boretto
e-borghi
Brescello  | Karl Allen Lugmayer - shutterstock
Brescello
Karl Allen Lugmayer - shutterstock
Chiesa di Santa Maria Nascente a Brescello  | e-borghi
Chiesa di Santa Maria Nascente a Brescello
e-borghi
Novellara  | e-borghi
Novellara
e-borghi
Guastalla  | e-borghi
Guastalla
e-borghi
Fondazione Museo Antonio Ligabue, Gualtieri  | e-borghi
Fondazione Museo Antonio Ligabue, Gualtieri
e-borghi
Fondazione Museo Antonio Ligabue, Gualtieri  | e-borghi
Fondazione Museo Antonio Ligabue, Gualtieri
e-borghi
Statua di Don Camillo a Brescello  | e-borghi
Statua di Don Camillo a Brescello
e-borghi
Palazzo Ducale, Guastalla  | e-borghi
Palazzo Ducale, Guastalla
e-borghi
Palazzo Ducale  | e-borghi
Palazzo Ducale
e-borghi
Valli di Novellara  | e-borghi
Valli di Novellara
e-borghi
Casa Museo Guareschi  | e-borghi
Casa Museo Guareschi
e-borghi
Don Camillo e Peppone, Casa Museo Guareschi  | e-borghi
Don Camillo e Peppone, Casa Museo Guareschi
e-borghi
Casa Museo Guareschi  | e-borghi
Casa Museo Guareschi
e-borghi
Chiesa Collegiata di Santo Stefano, Novellara  | e-borghi
Chiesa Collegiata di Santo Stefano, Novellara
e-borghi
Erbazzone  | Giancarlo Polacchini/shutterstock
Erbazzone
Giancarlo Polacchini/shutterstock
Aperitivo tipico emiliano  | OlgaBombologna/shutterstock
Aperitivo tipico emiliano
OlgaBombologna/shutterstock
Museo di Peppone e Don Camillo  | e-borghi
Museo di Peppone e Don Camillo
e-borghi
Giovannino Guareschi, Brescello  | e-borghi
Giovannino Guareschi, Brescello
e-borghi
Museo 'Brescello e Guareschi, il territorio e il cinema'  | e-borghi
Museo 'Brescello e Guareschi, il territorio e il cinema'
e-borghi
Casa del Popolo, Brescello  | e-borghi
Casa del Popolo, Brescello
e-borghi

Tra le sfumature dell'alba e il timido dischiudere del tramonto, la Bassa Reggiana si svela al visitatore come una perla di rara bellezza. Eloquenti non solo nell'arte ma anche nell’eloquio, i borghi di questa terra incantata offrono un’espressione sincera di prosperità, incarnando persino nel più minuscolo vicolo la promessa di scoperte inaspettate.

Un viaggio attraverso la storia

Immergersi nella Bassa Reggiana è come accarezzare le pagine di un libro antico, ogni pietra narra una storia, ogni angolo è custode di leggende e verità dimenticate. Qui, dove le ore scorrono più lente, il visitatore apprezzatore di storie eteree, potrà riscoprire la pienezza dell'esistenza.

Le radici del progresso

  • L'architettura: testimone silenziosa del travagliato percorso storico, dalle fortezze medievali alle opulente ville della nobiltà locale.

  • L'arte: che qui trova una delle sue espressioni più pure, nelle chiese antiche e nei palazzi, dove il belletto del tempo ha lasciato segni indelebili di un glorioso passato.

Culle di cultura e artigianato

Non solo storia, la Bassa Reggiana è una fucina di talenti: qui l'artigianato si trasforma in arte, con manufatti che parlano la lingua del bello e del ben fatto, un'eco di sapere secolare che si perpetua in ogni creazione.

Nel cuore della tradizione

  • La gastronomia: luogo d'incontro tra la terra e l'uomo, un territorio che nel palato si traduce in una sinfonia di sapori autentici.

  • Feste e sagre: momenti di comunione, dove l'essenza dell'être umano si manifesta in sincronia con il ritmo delle stagioni.

L'eleganza nell'essenzialità

In queste terre, la semplicità si rivela nella sua forma più elegante. Dai prodotti gastronomici, vanto di questa fertile terra d'acque, ai piccoli gesti quotidiani di chi, ogni giorno, mantiene vive le tradizioni.

Invito alla lentezza

La Bassa Reggiana è destinazione imperativa per coloro che scelgono di abbracciare il turismo lento, dove il viaggio si trasforma in un percorso interiore, una rivelazione di sensi in attesa di essere esplorata.

  • La natura: che offre scorci pittoreschi tra le nebbie del mattino o i riflessi speculari dei suoi corsi d'acqua.

  • Il tempo: qui, veramente, sembra aver preso un’altra piega, regalando momenti in cui i pensieri si fanno più lievi, quasi fossero portati via da un vento benevolo.

Evoluzione e incanto

La Bassa Reggiana rappresenta il connubio perfetto tra evoluzione e incanto, tra la conservazione della memoria e il passo verso un futuro responsabile. È il luogo dove ogni esperienza trasforma, educa suoi ospiti all’arte del divenire.

Al centro della trasformazione

Alla scoperta di questo paradiso, chi viaggia munito di curiosità e passione, trova non solo un rifugio dall’incessante marcia del temporale ma anche un punto di riferimento culturale assolutamente contemporaneo.

Con la Bassa Reggiana le parole diventano esperienze, il dettato della storia si fuse con le melodie del presente e la tradizione si veste di nuovi colori. Un viaggio qui non è mai solamente un passaggio, ma una trasformazione personale, un sovvertimento dolce delle proprie certezze a favore di una visione più ampia, più completa.

Per chi è in cerca di esperienze di viaggio che lasciano il segno, che insegnano e trasformano, un viaggio in questi luoghi non è solo consigliato, è necessario. La Bassa Reggiana aspetta tutti coloro che non si accontentano della superficie delle cose ma cercano sempre il cuore pulsante dell’autenticità.

Terre di Po e dei Gonzaga

Scoprire le Terre di Po e dei Gonzaga significa intraprendere un viaggio affascinante attraverso paesaggi rurale che si dipanano lungo il corso maestoso del fiume Po, incorniciati da una storia che affonda le sue radici nell’epoca splendente dei Gonzaga. Questa regione, culla di arte e di cultura, risveglia i sensi grazie alla sua cucina ricca di sapori e al suo patrimonio artistico unico, dove ogni borgo rivela tradizioni millenarie.

Sulle sponde del Po, l'eredità dei Gonzaga si manifesta in castelli maestosi e corti signorili, echeggiano le gesta di una dinastia che ha plasmato il volto di queste terre, regalando un'eredità culturale senza tempo. Attraversare queste terre significa anche lasciarsi coinvolgere da una gastronomia che celebra i prodotti della fertile pianura padana, con ricette tramandate di generazione in generazione, è quasi un rito che riconnette al passato.

La proposta turistica di questa zona è un invito vibrante a esplorare percorsi intrisi di storia, a godere di esperienze immersivi che fondono natura, cultura e gusto. Un turismo slow, che riscopre l'arte del vivere bene e che si rivolge a chi anela a capire l'essenza di un territorio che cambia nel tempo ma che conserva sempre la sua sublime autenticità. Le Terre di Po e dei Gonzaga rappresentano così il punto di riferimento per chi è alla ricerca di un viaggio che sia un mosaico di emozioni, sapori e bellezza.

Terra cinematografica

La regione emiliana, con i suoi affascinanti centri storici e le idilliache campagne, ha da sempre fornito una fonte inesauribile di ispirazione per il mondo del cinema. Artisti di calibro internazionale hanno trovato qui l'ambiente ideale per dar vita alle loro visioni creative. È il caso del pittore Antonio Ligabue, la cui esistenza solitaria si è svolta a Gualtieri, e di Giovannino Guareschi, autore dalle sagaci intuizioni che, attraverso i suoi celebri personaggi "Don Camillo e Peppone", ha narrato storie ambientate nel pittoresco borgo di Brescello.

Non sfuggono alla lista delle illustri personalità Cesare Zavattini, lo sceneggiatore nato a Luzzara che ha contribuito a plasmare la storia del cinema italiano, e il rinomato regista Bernardo Bertolucci, che ha selezionato proprio questi scenari per girare il suo capolavoro cinematografico “Novecento”. La nostra terra si conferma così non solo culla di arte e cultura ma anche teatro naturale per molteplici produzioni cinematografiche, continuando a incantare registi e spettatori con i suoi paesaggi inimitabili.

Visitare i Borghi della Bassa Reggiana

La Bassa Reggiana, situata nel cuore dell'Emilia-Romagna, rappresenta un patrimonio di cultura, tradizioni e sapori. Un viaggio attraverso i suoi borghi è un'esperienza sensoriale unica, un percorso nel tempo dove ogni sosta è un tuffo nel passato ricco di storia. Ecco perché un itinerario tra i borghi della Bassa Reggiana rappresenta una scelta di viaggio privilegiata per tutti gli amanti del turismo lento e della scoperta autentica dell'Italia meno nota.

Boretto: la sinfonia delle acque

Boretto, gioiello affacciato sulle rive del Po, canta una melodia d'acqua e natura. È un luogo dove la corrente del fiume placa le frenesie moderne e invita a riscoprire la poesia della lentezza. Una passeggiata lungo gli argini diventa un'esperienza sensoriale, un dialogo con l'antico fiume che ha modellato la storia e la vita di questo borgo incantevole.

Brescello: l'epopea di tradizione e cinema

Brescello è il palcoscenico del passato, una tela dove si intrecciano cultura e arte. Conosciuto per essere il set dei film di Don Camillo e Peppone, questo borgo respira ancora oggi quella narrazione cinematografica che ha sedotto il pubblico mondiale. Le sue strade e piazze sono pagine da sfogliare con curiosità, dove ogni angolo racconta storie di un'Italia autentica e senza tempo.

Gualtieri: la piazza dell'eleganza rinascimentale

Gualtieri si distingue per la sua imponente piazza rinascimentale, una delle più armoniche d'Italia. Qui l'eleganza è di casa, nelle linee architettoniche che dimostrano come bellezza e semplicità possano fondersi in un unico, sublime spettacolo visivo. Visitarla significa passeggiare in un museo a cielo aperto, dove ogni cosa ha la perfezione di una tela dipinta da sapienti mani del passato.

Guastalla: l'armonia tra cultura e natura

Guastalla racchiude in sé l’essenza dell'armonia tra uomo e ambiente. Il suo centro storico è un gioiello incastonato tra le braccia dolci del fiume, mentre i suoi giardini e parchi sono la quinta naturale dove la biodiversità prende forma. È un invito ad immergersi in una natura accogliente, che nutre lo spirito e ristora il corpo.

Luzzara: l'Incanto rurale e fotografico

Luzzara, con le sue campagne ridenti e i panorami che hanno incantato i fotografi di tutto il mondo, è la musa ispiratrice di chi cerca l’incanto nella semplicità rurale. È un borgo che si vive con gli occhi e con il cuore, che racchiude in sé il patrimonio inestimabile di una vita agricola di altri tempi, ancora palpabile nei suoi ritmi e tradizioni.

Novellara: la melodia delle contraddizioni

Novellara è la sinfonia di una storia ricca di sfumature. Le sue strade raccontano di duchi e dame, di incontri tra culture diverse che qui hanno trovato un punto di dialogo. La Rocca dei Gonzaga domina la scena, simbolo di un passato nobiliare che si mescola alla vita quotidiana di un borgo che ha saputo evolversi senza perdere la sua nota distintiva e le sue radici profonde.

Poviglio: il tesoro nascosto della Bassa

Poviglio è un tesoro nascosto, un piccolo scrigno che custodisce segreti millenni. Ricco di siti archeologici e di memorie storiche, il borgo attende il visitatore curioso e avido di conoscenza. Qui si può andare alla scoperta di vestigia che tessono il filo della storia, accompagnati dallo spirito investigativo che ogni viaggiatore porta con sé.

Reggiolo: l'oasi dell'arte fortificata

Infine, Reggiolo, con le sue mura che hanno resistito al tempo e alle vicissitudini storiche, è un'ode all'arte fortificata. Vivere Reggiolo significa immergersi in un racconto fatto di battaglie e rinascimenti, di paesaggi rubati all'oblio, rendendo ogni visita un capitolo nuovo da inserire nel proprio diario personale di scoperte ed emozioni.

Attraverso questo viaggio tra i borghi, emergono non solo storie e tradizioni, ma anche un messaggio universale: il viaggio come scoperta e come riscoperta di sé, in un dialogo continuo tra passato, presente e futuro. La bellezza è ovunque, nell'arte, nella storia, nella cultura e nella gastronomia locale, pronta per essere esplorata e vissuta in ogni suo dettaglio.

I piatti tipici della Bassa Reggiana

Nella splendida cornice dell'Emilia Romagna, patria indiscussa dell'enogastronomia di eccellenza, la Bassa Reggiana si rivela un vero e proprio scrigno di tesori culinari. Questa zona, ricca di storia e di tradizioni, offre una varietà di piatti tipici che conquistano il cuore e il palato di chiunque vi si avventuri. Andiamo quindi alla scoperta di alcuni dei più autentici e irresistibili sapori della Bassa Reggiana.

Storia e tradizione in cucina

Un approfondimento sulla tradizione culinaria di quest'area non può prescindere dall'importanza storica che ha avuto l'agricoltura e la vita contadina. La Bassa Reggiana, con i suoi estesi campi coltivati e il rapporto stretto con il lavoro della terra, ha dato vita a una cucina semplice ma al contempo ricca di sapore.

Erbazzone - Scarpazzòun

L'erbazzone, o in dialetto reggiano Scarpazzòun, è un classico esempio della capacità di questa terra di trasformare i semplici ingredienti a disposizione dei contadini in piatti di indiscussa prelibatezza. Si tratta di una torta salata composta da una sottile sfoglia di pasta ripiena di erbe di campo, spesso accompagnata da Parmigiano Reggiano e pancetta.

Cappelletti - Caplét

I Cappelletti, o Caplét nella parlata locale, rappresentano una delle minestre più nobili e apprezzate. Il segreto di questo piatto sta tutto nel ripieno – carni miste, formaggio e noce moscata – che si differenzia con orgoglio dalle varianti di altre province.

La pasta, cuore della cucina reggiana

In Emilia Romagna la pasta ripiena è una vera istituzione.

Tortelli verdi reggiani

Tra i più apprezzati troviamo i Tortelli verdi, preparati con un ripieno che mescola sapientemente spinaci e bietole a formaggio e ricotta. Una specialità che coniuga al meglio la robustezza degli ortaggi con la delicatezza dei latticini.

Tortelli di zucca

I Tortelli di zucca, con la loro dolcezza e la loro texture vellutata, sono un piatto che parla direttamente al cuore di chi lo assapora, perfetti in ogni stagione ma signori indiscussi dell'autunno emiliano.

Piatti principali: tradizione e comfort food

Bomba di Riso

Un piatto che racchiude in sé la rotondità del gusto è la Bomba di riso, una sorta di timballo cotto al forno, altamente personalizzabile ma sempre sostanzioso e avvolgente.

Coniglio alla reggiana

Il Coniglio alla reggiana è un altro caposaldo della tradizione, dove la succulenza della carne si sposa con i profumi degli odori dell'orto, creando un armonioso incontro sulle tavole della Bassa reggiana.

I condimenti: tra il verde e la tradizione

La Salsa verde per 'Lesso' - 'Bollito', caratteristica della Bassa reggiana, unisce la freschezza del prezzemolo e della rucola con il sapore pungente dell'aglio, arricchita dall'aceto, dando vita a una compagna ideale per le carni bollite.

I dolci: la dolcezza del finale

Torta di riso

La Torta di riso rappresenta un fine pasto nutriente e appagante con il suo alto contenuto calorico e la dolcezza avvolgente che stempera i contrasti di un ricco pasto.

Zuppa Inglese

La Zuppa Inglese, infine, è una sinfonia di sapori che alterna la morbidezza del Pan di Spagna a strati di crema pasticcera, arricchiti da un'abile imbevuta di liquori che viaggia tra gusto e leggenda.

Conclusioni di un viaggio indimenticabile e sull'autenticità reggiana

In conclusione, un'esperienza di viaggio nelle Terre di Po e dei Gonzaga è un'opportunità imperdibile per coloro che desiderano abbracciare la bellezza in tutte le sue sfumature. Visitare questi borghi incantevoli significa immergersi in un patrimonio storico, artistico e culturale straordinario, senza rinunciare al lusso di una natura rigogliosa e autentica.

Ispirati dalla nobiltà del passato, questi borghi trasmettono un senso di magia e meraviglia, offrendo una cornice perfetta per vivere esperienze uniche e indimenticabili. Dalle acque sinfoniche di Boretto alle eleganti piazze di Gualtieri, dal fascino rurale di Luzzara alla sontuosità dei patrimoni artistici di Reggiolo, ogni passo in questa terra affascinante è un motivo per acquisire nuove conoscenze, per alimentare la propria anima e nutrire la propria curiosità.

Lasciatevi sorprendere dalle storie che queste terre custodiscono, lasciate che l'arte e la storia si fondono in un caleidoscopio di emozioni. E, al tempo stesso, lasciate che la bellezza della natura vi incanti, gli scorci panoramici vi catturino e le opere culinarie locali vi coccolino.

Assaporare i piatti tipici della Bassa Reggiana significa immergersi in una dimensione dove il gusto della tradizione si fonde con la genuinità dei prodotti della terra. Ogni ricetta racconta una storia, e in questa terra, l'arte culinaria è narratrice di un passato ancora pienamente vivo nel presente.

Ti invitiamo a continuare il viaggio nei sapori della Bassa Reggiana, una terra capace di sorprendere anche il palato più esigente, regalandoti emozioni uniche che solo una cucina autentica come questa può offrire. Vivi l'esperienza di una tavola dove la storia, l'arte e la passione si incontrano in ogni piatto. Buon appetito!

Borghi nella Bassa Reggiana

Gualtieri
[Reggio Emilia]
Gualtieri, considerata una delle piccole capitali padane, è un borgo ricco di...

Dormire, mangiare, comprare nella Bassa Reggiana

Dal blog

L’Emilia è cinema. È un set cinematografico in continua evoluzione, un eterogeneo film in cui immedesimarsi, viaggiando nell’intreccio narrativo che si snoda tra passato e futuro. Scoprire l’Emilia è percorrere i paesaggi, ammirare gli scorci, visitare le città e vivere le storie rese celebri dalle telecamere di Bertolucci e di altri grandi registi, riconoscere le eterne vicende di Don Camillo e Pe...
Continua
e-borghi 2019-2024 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Via Achille Grandi 46, 20017, Rho (Milano) | 02 92893360